Allocuzione alla Rota Romana, 10 febbraio 1995.