Commento al decreto di nomina di un “vicario ausiliare” per la prelatura dell’Opus Dei