Sulla distinzione fra i capi di esclusione del “bonum sacramenti” e “condicio resolutiva de futuro contra matrimonii substantiam” nella giurisprudenza della Rota Romana.