Le potenziali sfide all’immunità del Romano Pontefice: una riflessione a partire dai delitti di abuso sessuale di minori da parte di chierici

Marabese, L.

Abstract: Il presente articolo intende indagare gli snodi cruciali della tesi di C. T. Washington  sulle potenziali sfide del diritto internazionale all’immunità del Romano Pontefice. La comparazione tra lo ius Ecclesiae, evolutosi al punto tale da accordare al Vescovo di Roma un’immunità assoluta nell’esercizio del suo ufficio primaziale, e il diritto internazionale, che, mentre riconosce al Papa l’immunità di un Capo di Stato, interpreta i presupposti di tale dottrina in modo sempre più restrittivo, reclama l’attenzione della scienza canonica, soprattutto se si considera la costante tendenza della prassi a ritenere il Romano Pontefice responsabile per i crimini commessi da membri del clero cattolico.  

 

Parole chiave: potestà di governo, giurisdizione universale, giurisdizione extraterritoriale,“respondeat superior”, abuso sessuale di minori.         

Abstract: This article aims to investigate the crucial points of C. T. Washington’s thesis on the potential challenges of international law to the immunity of the Roman Pontiff. The comparison between canon law, evolved to the point of granting the Bishop of Rome absolute immunity in the exercise of his primatial office, and international law, which acknowledges the Pope’s immunity as a Head of State though interpreting the same doctrine in an ever more restrictive way, calls for the attention of canonical science, especially if we consider the constant trend of the courts to deem the Roman Pontiff responsible for the crimes committed by members of the clergy.

Keywords: power of governance, universal jurisdiction, extraterritorial jurisdiction, “respondeat superior”, sexual abuse of minors.

 

 

DOI
10.19272/201908601006