L’equità canonica quale limite interno della discrezionalità dell’amministrazione ecclesiale.