Prime considerazioni sulle modifiche dello Statuto dell’Istituto per le opere di religione